Non parla e alza le mani con gli altri bambini. Cosa posso fare per aiutarlo?

Se trovi il contenuto interessante? Condividi qui.

Condividi su facebook
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

Una volta i bambini crescevano in cortile senza pericoli, c’erano poche e semplici regole da rispettare e guai a provare a non rispettarle.
Sembrava che le regole le avevamo all’interno di noi e i nostri genitori non dovevano ripeterle più volte.
Tuttavia anche le famiglie di un tempo qualcosa trascuravano.

Essere genitori oggi sembra essere sempre più complicato. Prima era chiara la figura materna e ancora più definita la figura paterna, per lo più a lavoro durante il giorno.
La bellezza della nostra generazione è che i papà sono molto più presenti e vicini ai loro figli, giocano con loro, dedicano tempo di qualità, si alternano con noi mamme sempre più impegnate.

Genitori (compresi i papà) che cercano un confronto e una comunicazione profonda con i loro figli, coinvolti nell’educazione e nella crescita dei bambini.
Attenzione, però a rimanere sempre le figure adulte di riferimento senza eccedere in un rapporto amicale.

La premessa necessaria rispetto a questo argomento: “Non parla e alza le mani” ci permette di dare alcuni suggerimenti e indicazioni:

  1. Il nostro bimbo piccolino che non riesce ad esprimere bene con il linguaggio ciò che desidera e/o necessita a volte può utilizzare le mani (comunicazione non verbale) per richiedere l’attenzione, per farsi capire o ancora per esprimere la frustrazione del non essere capiti.
  2. Non dobbiamo pensare che ciò che fanno in un determinato momento, sia ciò che faranno anche in futuro. I bambini esplorano, osservano, sperimentano e cercano di scoprire il mondo attraverso tutto ciò che li circonda, attraverso tutti gli strumenti che possono utilizzare, a volte anche le mani.
  3. Domandiamoci il perchè di un dato comportamento ma senza generalizzare e farne una catastrofe. Probabilmente sta attraversando la fase dell’esplorazione del mondo anche attraverso il tatto. Sarà nervoso perchè non viene capito e allora utilizza lo strumento più economico in termini di investimento e energia. E’ un bambino e l’istinto fa da padrone!!!
  4. “Poche e semplici regole”: anche se non dobbiamo farne una tragedia, non dobbiamo neanche tralasciare e smettere di dirgli che non si fa. Con amore, dolcezza e tono accogliente dire al nostro bambino che non si fa. Facendogli vedere come si fa, ad esempio si fa caro. Etc…
  5. Chiediamo aiuto al papà se a noi questa situazione ci rende tanto tristi e non adeguate.
    E’ infatti riscontrato che di fronte agli altri noi mamme siamo quelle che vanno più in crisi quando i nostri bambini non si comportano bene e allora che fare? Lasciamo questo spazio alle figure maschili, molto più sicure di noi, tranquille e anche assertivi in molti casi. Per fortuna siamo la generazione con i papà più vicini ai loro figli.
  6. Ricordiamoci sempre di intervenire sul momento e non dopo mezz’ora o quando si torna a casa, soprattutto se il bambino è tra i 2 e i 5 anni. Non ricorderà cosa ha fatto dopo alcune ore.

I nostri genitori se sentivano litigare in cortile non si domandavano se saremmo diventati delle bravi persone. Non intervenivano e lasciavano che i bambini se la gestissero da soli.
Oggi, non succede più. I genitori sono molto presenti, nel gioco, nell’interazione, durante un litigio tra bambini.
Quando potete e i bambini non sono in una situazione di pericolo cercate di non intervenire e lasciar fare, si riorganizzeranno, dobbiamo solo dargli il tempo di farlo.
Se nostro figlio discute per un gioco, sta solo socializzando!!!!

Condividi questo post con mammefficaci come te

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Iscriviti alla Newsletter di MammEfficaci

Tutti gli articoli, le novità, guide speciali e articoli riservati. Tutto questo comodamente sulla tua mail, lascia qui i duoi dati.

Entro 5 minuti otterrai subito il VOL.1 della Guida di MammEfficaci.

Lascia un commento

Articoli correlati